Ciao hai bisogno di aiuto?

Diario

Don Bosco Life

“Ricreiamo Conegliano”: il nuovo volto per il Biscione

04 Dicembre 2020

Tutto e tutti meritano una seconda possibilità.

È con questo spirito che nasce la collaborazione tra la Scuola Professionale Don Bosco di Conegliano e il progetto di formazione Ricrearti.
Gli obiettivi perseguiti?
– Il riuso creativo, per dare nuova vita a materiali destinati alla discarica.
– La riqualificazione ambientale, per valorizzare luoghi e spazi del nostro territorio che vivono nell’ombra.
– Il riscatto scolastico e personale, un’occasione per risollevare il morale degli studenti e per offrire loro nuove prospettive sul futuro, dandogli la possibilità di contribuire concretamente alla realizzazione del progetto.

Questa idea ha preso vita grazie alla sinergia tra la Scuola Professionale Don Bosco e l’artista Debora Basei, che nel 2006 ha ideato Ricrearti, l’iniziativa socialmente utile che, con i suoi ideali, aspira a re-interpretare il mondo, riutilizzando e trasformando, attraverso la fantasia, materiali di scarto in oggetti. Lo scopo del progetto, patrocinato dal Comune di Conegliano e dalle attività per il territorio, è quello di creare delle installazioni temporanee da esporre nella zona di via Colombo denominata “Biscione”, una parte della città che un tempo era un’area commerciale e ricreativa e che, ora, è diventata uno spazio periferico degradato, luogo d’incontro di baby gang.

Agli studenti del CFP che frequentano la classe seconda del corso “Operatore ai servizi di vendita” è stata data la possibilità di contribuire al progetto con attività laboratoriali e di partecipare in maniera attiva alla riqualificazione e all’abbellimento di questo quartiere della città che loro frequentano quotidianamente.

Il progetto si affianca all’iniziativa “Ricreiamo Conegliano”, che Debora Basei porta avanti già da molti anni. Qual è la finalità? Sensibilizzare al riuso dei materiali per dare vita a opere che siano espressione di un proprio sentire, coinvolgendo studenti, famiglie e cittadinanza, diffondendo la conoscenza dell’arte del saper fare e incentivando ognuno a mettere a frutto i propri talenti. Solitamente l’attività si articola in laboratori presso le scuole dell’infanzia, le primarie e le secondarie di primo e secondo grado e si conclude con l’esposizione delle opere presso l’istituto “Casa Fenzi”. Questo luogo particolare è stato scelto appositamente per creare un forte legame tra le diverse generazioni, tra bambini, giovani e anziani. Per motivi di sicurezza, quest’anno la mostra non verrà allestita in Casa Fenzi, ma in una location alternativa: le installazioni che verranno create dai nostri ragazzi e che saranno esposte già a partire da dicembre nel Biscione diventeranno a marzo luogo di esposizione per le opere della mostra “Ricreiamo Conegliano”, prodotte dai ragazzi delle scuole medie.

 

 

Durante il periodo natalizio i libri in formato gigante ospiteranno i testi di 6 studenti delle scuole superiori di Conegliano e di Pieve di Soligo selezionati per far parte dell’e-book nato dal contest “Sposta la tua mente al dopo…e raccontalo”, progetto di scrittura ideato e curato dall’Istituto Flora di Pordenone e dalla Fondazione Pordenonelegge, nell’ambito del Progetto Lettura “Libri Liberi”. A partire da marzo, poi, saranno ripensati in modo tale da diventare degli espositori per le foto delle creazioni dei giovani artisti impegnati nella costruzione di opere d’arte con materiale di riuso.

L’Assessore Panizzutti ha accolto positivamente la richiesta della professoressa Paola Da Ros di poter esporre, una volta terminata la mostra “Ricreiamo Conegliano”, i libroni presso gli spazi della nostra Scuola, dando così l’opportunità alle famiglie e alle persone interessate di vedere su appuntamento gli elaborati.

 

 

Inoltre, su consiglio dell’Assessore uscente Panizzutti e in base alle esigenze del nuovo amministratore condominiale dello “Shopping Center” in Via Colombo, si è pensato di allestire le vetrine dei negozi sfitti con dei pannelli realizzati dai nostri ragazzi sulla tematica dei valori etici quali amore, rispetto, onestà, reciprocità, fiducia e speranza.

Continuate a seguirci per rimanere aggiornati su tutte le novità relative a questo progetto e per vedere le opere terminate!

Newsletter

Ricevi le comunicazioni scolastiche

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere aggiornamenti e comunicazioni dall’Istituto sulle attività.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la Privacy Policy e i Termini del Servizio di Google.